POLI FIERISTICI E PANDEMIA: QUALE FUTURO CI ASPETTA?

Il mondo fieristico ha subito un forte cambiamento durante la pandemia. Quasi tutte le fiere sono state cancellate lasciando un vuoto nella creazione di nuovi rapporti lavorativi e nel modo in cui si veniva a conoscenza di nuovi prodotti e trend del mercato.

Per questo molte fiere hanno deciso, come in tantissimi altri settori, di provare a spostare la propria attività online e di utilizzare questo momentaneo stop per interrogare i propri avventori sulle migliorie d’apportare quando i tempi saranno migliori.

Certo non tutte le tipologie di fiere possono essere agevolmente spostate online. Sarà ovviamente più semplice nel caso di una serie di conferenze trasmettibili via streaming. Basterà semplicemente dotarsi di una buona connessione internet e di una piattaforma adeguata per lo streaming, che sia anche facilmente accessibile da parte degli utenti.

Per quanto riguarda eventi fieristici che puntano a presentare i nuovi trend di mercato e i nuovi prodotti, possono essere modificate in micro-eventi online che raccontino un prodotto e prevedano nella parte finale, eventuali domande per i giornalisti o uno spazio d’incontro con i possibili compratori. Da questo punto di vista l’online costituisce un ottimo modo per raccogliere dati sui potenziali clienti, rendendo misurabile ogni parametro della loro presenza all’evento.

Un ulteriore escamotage utilizzato per tenere vivo l’interesse dei visitatori e quello d’invitarli a rispondere a un sondaggio su come sono cambiate le loro abitudini, quali difficoltà hanno riscontrato e cosa vorrebbero trovare di nuovo, al loro ritorno alla normalità. Per creare engagement e fidelizzarli.

Vuoi scoprire quali sono i tool da utilizzare per poter trasformare il tuo evento fisico in un evento online? Contattaci.

Menu